Serata in Cattedrale: Diego Cannizzaro

26 aprile 2015 ore 19:15

Programma

F. Mendelssohn
Sonata III (con Aus tiefer in cantus firmus)

J. S. Bach
Aus tiefer Not schrei’ ich zu ruf dir BWV 686
 (dalla Clavier-Übung III)

G. Animuccia
Lauda spirituale Lodate Dio

L. Giustiniani
O Gesù dolce

F. J. Haydn
Tenebrae factae sunt

C. D. Lisanti
Crucifixus dal “Credo per soli, coro e archi”

Z. Kodály
Stabat Mater

G. D. Bárdos
Eli, Eli!

G. Verdi
La Vergine degli angeli

G. Caccini
Ave Maria

P. A. Yon
Concerto gregoriano (in quattro movimenti per organo Solo)

C. Franck
Panis Angelicus

Diego CANNIZZARO

Diego Cannizzaro

Ha conseguito con la lode la Laurea in Lettere Moderne ad indirizzo musicologico presso l’Università di Palermo con una dissertazione sull’arte organaria antica siciliana, il Diploma di Pianoforte col massimo dei voti presso il Conservatorio di Palermo ed il Diploma di Organo e Composizione Organistica con la lode presso il Conservatorio di Perugia sotto la guida di Wijnand Van de Pol. Si è perfezionato in organo e clavicembalo con Luigi Ferdinando Tagliavini, Harald Vogel e Montserrat Torrent-Serra presso l’Accademia di musica italiana per organo di Pistoia, la Norddeutche Orgelakademie di Bunde (Amburgo) e l’Università di Santiago de Compostela. Ha studiato composizione con Ivan Fedele presso il Conservatorio di Strasburgo. Vincitore di borsa di studio, ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Storia ed analisi delle culture musicali” presso l’Università di Roma “La Sapienza” con una dissertazione sulla musica per organo e clavicembalo nei regni di Napoli e Sicilia tra XVI e XVII secolo pubblicata in lingua italiana presso l’archivio PADIS dell’Università di Roma “La Sapienza”.

Attivo come organista, pianista e clavicembalista, è stato invitato in diverse rassegne musicali internazionali esibendosi in Italia, Svizzera, Austria, Francia, Spagna, Regno Unito, Belgio, Olanda, Germania, Polonia, Slovacchia, Russia; è stato anche più volte invitato negli U.S.A. Svolge attività di ricerca musicologica e pubblicistica. È ispettore onorario per gli organi storici dell’Assessorato ai BB.CC.AA. della Regione Siciliana ed organista presso la Cattedrale di Cefalù. Ha diverse collaborazioni con riviste specialistiche italiane ed estere presso cui ha pubblicato diversi saggi.

Ha al suo attivo delle esecuzioni in prima assoluta: nel 1992, presso la sede degli Amici della Musica di Palermo, ha eseguito una sonata inedita di Muzio Clementi (1752-1832) suonando su un fortepiano originale Collard & Collard; nel 1995 ha eseguito l’integrale delle opere per organo di Antonino Fortunato, compositore siciliano vivente. Ha inciso l’integrale delle sonate per organo di Filippo Capocci in doppio per la Bottega Discantica; ha al suo attivo altre 15 incisioni per altre etichette tra cui Bongiovanni, Tactus ed Elegia.

Svolge attività didattica presso l’Istituto Universitario Tisia di Cefalù e presso l’Istituto di Alta formazione “V. Bellini” di Caltanissetta. È frequentemente invitato da diverse Università europee a partecipare a progetti di ricerca sulla musica organistica e sull’arte organaria europea, è docente invitato di organo e clavicembalo presso il Conservatorio Rimski-Korsakov di San Pietroburgo ed ha tenuto delle master-class per le Accademia di Enghien ed Ath (Belgio). È presidente del centro studi organari AUDITORIUM PACIS ed è direttore artistico del rassegna IN TEMPORE ORGANI che si svolge nell’intero territorio dalla Regione Sicilia.

Duo Gemelle PALAZZOLO

PalazzoloSabrina e Simona Palazzolo sono due gemelle nate a Messina nell’agosto 1996. Hanno conseguito il diploma in Arpa con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Messina “A.Corelli”. Dall’aprile del 2006, hanno iniziato a partecipare a concorsi musicali internazionali e nazionali aggiudicandosi diversi primi premi e primi premi assoluti. A giugno 2012 sono state insignite a Roma del premio “Antonello da Messina” e nel dicembre 2014 del premio “N. Giordano Bruno”. Hanno tenuto importanti concerti in Perù, in Francia, a Roma, Milano, Palermo ed in molte città italiane, utilizzando nel corso dei vari concerti diversi tipi di arpe, classiche, celtiche ed andine, suonando innanzi ad un folto pubblico, riscuotendo molteplici apprezzamenti ed un notevole interesse da parte di diverse personalità della cultura e della società presenti. Tra gli eventi più importanti cui il Duo ha preso parte, vi è stata la partecipazione al “14th Suzuki World Convention” di Torino, dove specialisti del settore hanno riscontrato in loro un “indubbio talento musicale”. Sono tra le più giovani componenti dell’Orchestra Italiana delle Arpe nonché dell’Orchestra Filarmonica della Calabria. Fanno parte, inoltre, di alcune formazioni cameristiche- orchestrali, quali la “Camerata delle Muse” e “Afflatus”. Hanno partecipato a diverse trasmissioni televisive collaborando con molti artisti. Hanno frequentato, altresì, master-class e studiato con alcuni dei migliori arpisti mondiali quali Elizabeth Fontan-Binoche, Judith Liber, Ieuan Jones, Jana Bouskova, Alice Giles, Myrdhin, Gabriella Bosio, Letizia Belmondo per approfondire e perfezionare la tecnica dell’arpa sia celtica che a pedali. Sono state premiate a Milano, da una Giuria Internazionale di Arpiste presieduta da Isabelle Moretti. Hanno tenuto un concerto all’interno del programma estivo “Fede, Arte, Musica” dell’Arcidiocesi di Messina, nonché nella stagione concertistica dell’Accademia Bellini e della Filarmonica Laudamo. Hanno tenuto un concerto a Taormina (ME) nell’ambito della stagione concertistica “Estate 2010” organizzato dall’Associazione ”Agimus” riscuotendo vivo apprezzamento da parte del numerosissimo pubblico intervenuto, buona parte del quale straniero. Sono state scelte in Francia da Elizabeth Fontan- Binoche per partecipare al concerto conclusivo della “Académie Internationale d’Été” di Nizza. Nel 2009 hanno tenuto il concerto inaugurale dell’Auditorium di Lipari (ME) dedicato al Maestro G. Sinopoli. Il Maestro Direttore della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, Mons. Giuseppe Liberto le ha definite, tra l’altro “…due bravissimi angeli musicanti, che incantano con il loro magico tocco…”. Tra i tanti concorsi ai quali hanno partecipato si ricorda il I concorso internazionale di arpa “Mirella Vita” dove nella Sezione “Arpa da camera” hanno vinto il I° premio. Nell’aprile 2013 hanno inaugurato la stagione concertistica “Pomeriggi musicali in Prefettura” voluta dal Prefetto di Messina ed organizzata in collaborazione con il Conservatorio di Musica “A. Corelli”. A febbraio 2014 hanno tenuto un concerto per arpe celtiche “Clàrsach”, nell’ambito della stagione concertistica 2013/14 della Filarmonica Laudamo; un affascinante progetto musicale nella tradizione celtica-irlandese-bretone-inglese, con l’esecuzione di brani riadattati e variati dalle stesse arpiste. Hanno inoltre tenuto un concerto nell’ambito della “Notte della cultura” edizione 2014 nel Salone degli specchi della Provincia Regionale di Messina. Hanno fatto parte in qualità di arpiste dell’Orchestra Filarmonica di Stato “Mihail Jora” di Bacau (Romania). Hanno partecipato anche all’incisione di alcuni CD. In base a ciò il Duo “Gemelle Palazzolo” è stato argomento di diversi articoli sulla stampa nazionale ed internazionale.

Maria Letizia PALLONE

mezzosoprano

PalloneIntraprende lo studio del pianoforte sin da bambina, studiando tra gli altri con Sonja Pahor che ne scopre la voce. Sotto la guida di Marisa Pintus studia canto in cui si diploma presso il Conservatorio ‘F. Torrefranca’ di Vibo Valentia. Partecipa, giovanissima, a concorsi pianistici, facendosi apprezzare; nel 1977 è 3° classificato (medaglia d’argento) al Concorso Interregionale dei Giovani Pianisti-FIDAPA Catanzaro. Ha seguito corsi di vocalità e canto corale con G. Graden, M. Berrini e S.Woodbury con il quale si sta ulteriormente perfezionando.

Poliedrica negli interessi e negli studi è anche laureata con il massimo dei voti e la lode in Lettere Classiche e si è perfezionata con lode in Storia della Medicina presso l’Università di Messina. Da sempre interessata al rapporto musica-letteratura ha tenuto, ancora studentessa, due seminari sperimentali universitari nell’ambito delle lezioni della cattedra di Filologia Classica con la prof.ssa Paola Radici Colace su ‘Uso e significato della syrinx e della musica negli idilli di Teocrito e nella poesia bucolica’ e ‘Laso di Ermione e la riforma del ditirambo’. Ha insegnato nell’a.s.’91-92 Letteratura Poetica e Drammatica e Letteratura Italiana presso il Conservatorio di Vibo Valentia.

Ha collaborato con le Soprintendenze ai BB.CC.AA. di Messina e Siracusa per la catalogazione di beni archivistici e librari antichi e di pregio, nonché di beni etno-antropologici, contribuendo con il suo lavoro, a pubblicazioni di settore. Canta da molti anni nel Coro polifonico ‘L. Marenzio’ di Messina di cui è stata membro della commissione artistica, e fa parte della Cappella Musicale della Cattedrale di Messina, come corista. Per entrambi i cori esegue anche parti solistiche. Collabora con solisti, strumentisti ed altri cori che ne apprezzano duttilità della voce e sensibilità musicale capace di spaziare in repertori e ruoli diversi. Di recente ha ricevuto un attestato di riconoscimento dall’Accademia Internazionale ‘Amici della Sapienza’ – Premio N.Giordano Bruno XXII Edizione 2014 quale ‘esempio concreto di arte musicale e di educatrice’.

Attualmente è docente di ruolo di Lettere presso I.T.N. ‘C. Duilio’ di Messina.

Quaresima 2015 | Nessun commento

Lascia un commento